Perché Bitcoin, Ethereum e Dogecoin sono nuovamente in calo

Cosa è successo 

Molte delle principali criptovalute sono scese di nuovo nel corso di venerdì, mentre gli investitori hanno continuato a vendere sulla scia della notizia dei fondi crypto negoziati in borsa che hanno colpito il mercato.

All’1:30 p.m. EDT Bitcoin è sceso del 3,3% nelle ultime 24 ore, Ethereum è sceso del 3,3% e Dogecoin è sceso del 3,1%. Questo segue un sell-off nella maggior parte delle criptovalute ieri.

Non ci sono state grandi notizie oggi sulle criptovalute stesse o su nuovi regolamenti, ma questo non ha comunque ha fermato il sell-off.

Il punto

Stranamente, il calo dei prezzi delle criptovalute è iniziato mercoledì, quando il ProShares Bitcoin Strategy ETF ha colpito il mercato azionario.

Gli investitori hanno speculato per settimane che gli ETF crypto avrebbero portato ad una nuova “tipologia” di investitori nel settore, spingendo i prezzi ancora più in alto. Quindi, questa è un po’ una dinamica da “compra il pettegolezzo, vendi la notizia” che ha colpito le criptovalute.

I traders tecnici hanno anche sottolineato le indicazioni relative a Bitcoin, che secondo loro era pronto a scendere dai massimi di tutti i tempi a circa 60.000 dollari, dove tuttavia sembra ancora reggere.

Il grafico qui sotto mostra che le principali criptovalute sono state in aumento nell’ultimo mese. Bitcoin, Ethereum e Dogecoin sono tutti in crescita con percentuali a due cifre, a partire da giovedì. Ci sono stati alcuni venti di coda durante il mese scorso, che sono più importanti per gli investitori a lungo termine rispetto al sell-off degli ultimi giorni.

Uno è il fatto che la Securities and Exchange Commission sta permettendo agli ETF di raggiungere il mercato, il che aprirà le criptovalute a più investitori. L’altro è che i legislatori hanno detto ripetutamente questo mese che le crypto non svaniranno nel nulla, anche se non hanno ancora determinato come regolare l’industria per proteggere i consumatori.

Adesso cosa succede

La volatilità è normale per le criptovalute, quindi se sei un entusiasta delle crypto a lungo termine, non c’è motivo di vendere al momento. Il rally che ha portato all’introduzione del ProShares ETF può essere semplicemente andato troppo lontano e ora gli speculatori stanno incassando ciò che avevano acquistato.

Ciò che mi interesserà osservare durante i prossimi mesi è in che modo l’industria delle criptovalute risponderà alla potenziale regolamentazione. Le autorità di regolamentazione sono state in gran parte con le mani legate fino ad oggi, ma se le criptovalute stanno per diventare una valuta accettata o una moneta di utilità, ci sarà bisogno di chiarezza normativa intorno ad alcuni dei suoi usi.

Questo potrà suonare come una stonatura per gli investitori attratti dalla decentralizzazione delle criptovalute, ma la regolamentazione porterà legittimità ed espanderà il mercato e la domanda.

Ci sono anche un numero crescente di utility per diverse criptovalute, che potrebbero prendere piede a lungo termine. Questo è l’aspetto in cui penso vedremo il vero valore creato dall’industria delle criptovalute.

Ma l’infrastruttura delle utility richiederà anni per essere costruita, che è un altro motivo per cui non sarei troppo preoccupato che le criptovalute si muovano bruscamente in un modo o nell’altro da un giorno all’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.